Profilo del facilitatore per la sperimentazione di scuole all’aperto

Oggetto dell’incarico

Il progetto è promosso da un gruppo di pedagogisti, educatori ambientali, amministratori, dirigenti scolastici, ricercatori e docenti universitari e genitori con l’obiettivo di sviluppare la rete nazionale delle scuole all’aperto.
Le scuole all’aperto riscoprono e praticano il contatto quotidiano e il legame duraturo di bambini e adulti con natura e territorio e hanno l’obiettivo di rigenerare e rinnovare le pratiche didattiche ed educative. Per approfondimenti riferirsi al sito https://scuoleallaperto.wordpress.com/

Con la Legge del 13 Luglio 2015 n°107 diviene possibile la costituzione di reti scolastiche nazionali di scopo riconosciute dal Ministero dell’Istruzione. Nell’ambito di questo nuovo scenario, dal settembre 2016, la rete intende avviare dei progetti sul territorio nazionale.
Per detti progetti si rende necessario l’intervento di una figura di facilitazione (“facilitatore”) per ogni Istituto Comprensivo partecipante al fine di promuovere l’apprendimento condotto fuori della classe in sinergia con l’apprendimento all’interno. Rientrano tra le mansioni fondanti del facilitatore la progettazione e la realizzazione di esperienze, al fine di alimentare i percorsi didattici realizzati all’aperto, con le risorse che offre il territorio.
Specifiche dell’incarico

Natura dell’incarico: facilitazione del progetto

Luogo (prevalente) di lavoro: da specificare.

Durata: 50 ore in un I.C. (o 35h a istituto se un facilitatore ricopre due IC o DD) nel periodo da settembre 2016 a giugno 2017.

Retribuzione: 2400 euro lorde.

Referente dell’incarico: Coordinamento della Rete Nazionale.

Profilo dell’incaricato

Il compito principale di un facilitatore è quello aiutare il personale insegnante nella pianificazione e realizzazione di esperienze di apprendimento all’aperto per garantire aderenza ai criteri della sicurezza e della programmazione didattica. Durante alcune fasi dell’attività, il facilitatore supervisiona e sostiene gli insegnanti e, se necessario, li affianca nella relazione educativa con gli studenti.

Il facilitatore deve essere pertanto in grado di integrare competenze pedagogiche e didattiche con le migliori esperienze di educazione all’aperto condotte in questi anni in territorio nazionale e di rendere il gruppo di lavoro progressivamente più autonomo nella progettazione educativa e didattica e più consapevole riguardo il proprio stile educativo, nonchè possibilità e spunti che i bambini e il territorio di riferimento sono in grado di offrire.

Al contempo, si tratta di una figura che dovrà anche occuparsi di:

Raccordo con i formatori e partecipazione ai corsi di formazione predisposti per il personale insegnante e ATA per permettere un’efficace ricaduta nella pratica della formazione stessa.
Raccordo efficace tra dirigenti scolastici, altri membri della rete e le figure tecniche presenti sul territorio di riferimento.
Coordinamento con gli altri facilitatori e con la rete di scuole all’aperto sopratutto attraverso l’utilizzo di piattaforme virtuali di comunicazione.
Partecipazione ai momenti di programmazione didattica per sostenere le insegnanti nel promuovere il cambiamento suggerito dal protocollo.
Ricerca di soluzioni agli ostacoli che necessariamente si presenteranno in quanto iniziativa sperimentale.
Produzione di una documentazione efficace (report di scuola)

Competenze richieste

Competenze didattiche e di analisi del contesto al fine di sostenere le insegnanti nella realizzazione di esperienze educative concrete nel territorio.

Abilità interpersonali e di comunicazione, intraprendenza e assertività soprattutto riguardo relazioni positive con insegnanti e ATA e condivisione efficace delle informazioni con gli attori coinvolti nel rispetto dei tempi e tradizioni di ciascun team docente.

Requisiti dell’incaricato

Titolo di studio: Laurea magistrale in una o più delle seguenti discipline: Scienze della formazione, Sociologia, Psicologia, Scienze naturali e Scienze Biologiche

Esperienza lavorativa: minimo 8 anni di esperienza in almeno uno dei seguenti ambiti:

progetti all’aperto
scuole di infanzia e primaria di primo e secondo grado
coordinamento pedagogico
altre esperienze attinenti

Le candidature sono validate dal gruppo di coordinamento della rete e selezionate anche in base al territorio della scuola all’aperto ed entreranno a far parte dell’elenco dei facilitatori a cui sarà possibile fare riferimento.

3 pensieri su “Profilo del facilitatore per la sperimentazione di scuole all’aperto

  1. Sono una mamma e vorrei mandare i miei figli in una scuola così. Dove posso trovare in elenco delle scuole all’aperto? ( noi viviamo ad Anzio, provincia di Roma)
    Grazie

    Lavinia

    Mi piace

  2. Salve, Vorrei maggiori informazioni relative a procedure e modalità di candidatura per diventare facilitatore delle scuole all’aperto. Al momento sto frequentatndo il corso di Educazione e Natura presso l’Università di Bologna condotto dalla prof.ssa Schenetti.

    Grazie
    Francesca Tota

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...